Federazione Coldiretti Umbria

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

14/11/2006 - N.41

IL 15 NOVEMBRE A ROMA, LA GIORNATA NAZIONALE DELL'OLIO ITALIANO

Ci sarà anche la Coldiretti dell’Umbria, con una delegazione di imprenditori agricoli e dirigenti, tra le migliaia di agricoltori provenienti da tutt’Italia, che domani dalle ore 10,00, confluiranno in Piazza Montecitorio, in occasione della Mobilitazione della Coldiretti a sostegno dell’obbligo dell’etichettatura di origine dell’olio di oliva vergine ed extravergine Made in Italy.
In occasione della “Giornata nazionale dell’olio italiano” - precisa Coldiretti - gli agricoltori radunati in Piazza Montecitorio, faranno conoscere la qualità e la varietà della produzione nazionale di olio, con la molitura delle olive e l’assaggio dell’olio nuovo appena spremuto, con bruschette offerte a cittadini, turisti, politici e rappresentanti delle Istituzioni per accompagnare l’avvio della raccolta di firme per l’etichettatura Made in Italy.
La mancanza di trasparenza nelle norme sull’etichettatura - spiega Sergio Marini, presidente Coldiretti Umbria - lascia la possibilità di commercializzare olio ottenuto da miscele di origine diversa, senza che questo venga indicato chiaramente in etichetta, danneggiando i produttori e ingannando i consumatori, che invece devono essere messi nella legittima condizione di compiere scelte consapevoli di acquisto.
La mobilitazione - continua Marini - sarà promossa in tutto il nostro Paese, con la collaborazione di associazioni dei consumatori ed ambientaliste, per chiedere, con una raccolta di firme, l’applicazione delle norme che obbligano ad indicare in etichetta l’origine dei prodotti agricoli impiegati negli alimenti, al pari di quanto è già stato fatto per le carni bovine, per quelle di pollo, per la passata di pomodoro, per il latte fresco, il miele e l’ortofrutta.
D’altronde sono i cittadini-consumatori che ci spingono in questa direzione - conclude Marini - dato che il 92 per cento degli italiani ritiene che “dovrebbe essere sempre indicato in etichetta il luogo di allevamento o coltivazione dei prodotti agricoli contenuti negli alimenti” come emerge dai risultati dell’“Indagine 2006 COLDIRETTI-ISPO sulle opinioni degli italiani sull’alimentazione”.
La giornata di domani a Roma, durante la quale sarà possibile raccogliere consigli per gli acquisti e apprezzare curiosità del settore, sarà arricchita da stand, piante di olivo, attrezzature d’epoca, banchetti informativi, degustazioni ed esposizioni della più ampia varietà di oli extravergini italiani, tra cui quello dell’Umbria.